Beach Rugby di Terracina: vincono Rats e Spavalde, che ora guardano al Master

Il Campionato Italiano di Beach Rugby nella sua settima giornata è di nuovo in scena sulla splendida spiaggia delle Rive di Traiano a Terracina (LT), che già aveva ospitato a giugno la Coppa Italia RGR.
Dodici le squadre maschili ai nastri di partenza, divise in quattro gironi da tre nella formula vista anche a Ostia un paio di weekend or sono, accompagnate da altre tre nel torneo femminile.
Prima testa di serie nel Girone A i Crazy Crabs accompagnati dai Belli De Notte e dagli Ironhill; seconda testa di serie nel Girone B i Belli Dentro con i super razzi The Rockets e i Mare e Monte; terza e sesta testa di serie insieme nel Girone C i Crazy Rats e i Forastici accompagnati dai Crazy Buffalo; quarta e quinta testa di serie anche insieme nel Girone D Sabbie Mobili e Pirati di Nisida insieme ai Beach Boys.
La prima fase vede i Crazy dominare i propri gironi, i Crabs nel girone A e i Rats nel girone C, passeggiando sulle avversarie.
Più combattuti gli altri due gironi: ottimo il testa a testa dei Belli Dentro con i The Rockets, in cui la spuntano i razzi; tanta fatica anche per le Sabbie Mobili imporsi sui Pirati di Nisida davvero in formissima, ma alla fine con 5 a 3 sventola la bandiera gialla sul girone D.
Il torneo femminile invece, vede le tre formazioni delle Spavalde, Sabbie Mobili F e Scugnizze affrontarsi in un girone unico di andata/ritorno. Le prime sfide in grande equilibrio, con un bel rugby espresso da tutte le formazioni. Nel ritorno invece le Scugnizze cedono il passo alle due formazioni laziali, parse più preparate sul piano atletico. La vera sfida è così tra Spavalde e Sabbie F in due match davvero tiratissimi, vinti entrambi dalle Spavalde con un a sola meta di vantaggio sulle colleghe in maglia gialla.
Seconda fase delle semifinali con gli Ironhill che travolgono i Beach Boys 7 a 0 e i Crazy Buffalo 5 a 1 sui Mare e Monte per andare a giocarsi il Nono posto del torneo l’una contro l’altra.
La lotta per il quinto posto poi invece vede Pirati di Nisida e Belli Dentro fronteggiarsi dopo aver avuto vita facile in semifinale con i Pirati che schiacciano i Belli de Notte 7 a 3 e i Belli Dentro che vanno a spasso 8 a 1 sui Forastici.
Semifinali per il primo posto invece vedono da un lato la partita in casa tra Crazy Crabs e Crazy Rats giocata col sorriso stampato in volto da parte di entrambe le squadre, vittoria netta dei Rats 7 a 4 sui compiacenti Crabs. L’altra semifinale invece più accesa e combattuta tra Sabbie Mobili e The Rockets, ma alla fine proprio questi ultimi si impongono splendidamente 4 a 3 andandosi a giocare così la finalissima con i Rats.
Chiudono al dodicesimo posto i Beach Boys, preceduti dai Mare e Monte, al decimo posto invece i Crazy Buffalo preceduti a loro volta dai non più tanto sobri Ironhill.
Soltanto ottavi i Forastici, oggi veramente grandi assenti, e ancora peggio solo settimi i Belli de Notte. Finale per il quinto posto al fulmicotone tra Pirati di Nisida e Belli Dentro, con questi ultimi alla fine vittoriosi per 5 a 4.
Al terzo posto i Crazy Crabs con il punteggio di 6 a 3 sulle Sabbie Mobili, rilegate a un quarto posto troppo stretto per loro.
Le ultime romantiche luci del tramonto di Terracina accompagnano la finalissima tra The Rockets e Crazy Rats:  botta e risposta, metro contro metro, così i Rats smorzano la corsa dei The Rockets con un 3 a 2 che li decreta vincitori della tappa e mette una seria ipoteca sull’ingresso al Master di entrambe le finaliste.
Credits foto: Paolo Cerino, www.rugbychepassione.com